Cosa fare a Milano Logo Dark

Da Ottobre 2021 - Per tutti gli amanti dell’Open Wine, ecco gli aperitivi a tutto vino da non perdere a Milano. Le tradizioni diventano tali nel momento in cui si ripetono sempre, a prescindere da cosa accada. E anche dopo un anno di

Il governo ha deciso ieri che il Green Pass sarà obbligatorio per eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, concorsi pubblici. Oltre a questi si aggiungono bar e ristoranti al chiuso (non è necessario invece per sedersi all’aperto

Ha appena aperto un museo dove sperimentare con 70 attrazioni su scienza, psicologia, biologia, matematica e fisica, per imparare divertendosi come non abbiamo mai fatto prima Mettere alla prova il nostro cervello, i nostri occhi, la nostra immaginazione ridendo, urlando per lo stupore,

Milano è una città d’acqua e possiede circa 80 fontane, sparse qua e là, furono costruite fontane dalle forme e dalle funzioni più disparate, diventando ben presto però eleganti e sofisticate soluzioni adottate per decorare piazze e strade. Alcuni dei più celebri

Vivi i Beni del FAI fino a tarda sera Dopo tanti mesi trascorsi in casa, si ha voglia di uscire per trascorrere una giornata all’aperto, a contatto con la natura e con l’arte, alla scoperta di luoghi vicini e spesso poco noti, che meritano una

Dal Paese del Sol Levante, l'hanami ha fatto il giro del mondo ed è arrivato in Italia: il nuovo giardino zen di Piazza Piola 21 ciliegi in fiore che si alternano a sedute pubbliche e sculture cosmiche e meravigliose, un luogo

Tra leggende e scuole di pensiero, ecco dove trovare il dolce natalizio per definizione Ma quali sono i migliori di Milano?, tra insegne storiche, proposte di chef stellati, grandi classici e lievitati con ingredienti e accostamenti più innovativi e particolari? Ecco la nostra selezione, ma ricordate non

Date, orari e luoghi del Christmas Truck Tour Il Coca Cola Christmas Truck, il camion griffato Coca Cola, è attualmente in tour in Italia accanto ai mezzi di Banco Alimentare per «donare a tutti, anche se a distanza, un momento di gioia». Da Segrate a Bareggio,

Presentati i progetti per "Il Natale degli alberi 2020". Ecco come saranno e dove si troveranno: 1. Piazza Duomo, Coca Cola Il grande albero di piazza Duomo sponsorizzato da Coca Cola Italia racchiuderà in sé le energie della città rappresentando le sue mille anime.

Abbiamo bisogno di relax. Tutti, ma forse a Milano di più. E forse per questo Milano offre molto indirizzi dedicati al benessere, alla bellezza e al relax: City Spa dove andare solo per qualche ora, o per un pomeriggio, tra sauna, bagno turco,

Top

L’artista più amato arriva a Milano: Claude Monet a Palazzo Reale

  /  L’artista più amato arriva a Milano: Claude Monet a Palazzo Reale
Monet al Palazzo Reale

L’artista più amato arriva a Milano: Claude Monet a Palazzo Reale

Data / Ora
Date(s) - 18 Settembre 2021 - 30 Gennaio 2022
Tutto il giorno

Luogo
Palazzo Reale Milano

Categorie


La mostra di Claude Monet a Palazzo Reale a Milano sarà allestita in collaborazione con il Musée Marmottan Monet di Parigi

Dal 18 settembre 2021 al 30 gennaio 2022

L’esposizione intende indagare l’attenzione rivolta dal maestro al tema della luce e dei suoi mutamenti, punto cardine dell’intera esperienza dell’Impressionismo e della poetica della pittura en-plain-air. A tale scopo sarà possibile ammirare splendidi paesaggi realizzati da Monet nel corso dei suoi soggiorni nelle località francesi come Trouville e Argenteuil e durante i viaggi a Londra.
Particolare rilievo nella sua ricerca artistica sui riflessi della luce assumono le celebri tele dedicate alle ninfee, eseguite a partire dal 1883, anno in cui Monet, raggiunto ormai il successo, decise di trasferirsi assieme alla famiglia a Giverny, amena località della Normandia, attratto dalla particolare luce del posto, che secondo il pittore non trovava eguali in nessuna altra parte del mondo.
Acquistato un casolare, Monet portò a compimento il sogno della propria vita, ossia allestire un giardino di gusto orientale, ispirato alle stampe da lui collezionate da quando si era affermata l’influenza del Giappone sull’arte europea. Ottenne il permesso di deviare il corso del fiume Epte al fine di creare in piccolo stagno pieno di ninfee, attraversato da quel ponticello immortalato innumerevoli volte nelle tele del pittore. Nel giardino così allestito, Monet si dedicò al giardinaggio coltivando rose, tulipani, glicini, iris e campanule e portò avanti con energie inesauribili la sua attività di pittore, ispirato dagli straordinari giochi di luce e di colori della natura.
Durante la sua vecchiaia fino al 1926, anno della sua morte, Monet realizzò circa 250 versioni di Ninfee, oggi conservate nei principali musei del mondo. Alcuni degli esemplari più belli della serie vengono eccezionalmente prestati dal Museo Marmottan Monet di Parigi per l’esposizione milanese che si preannuncia come un evento davvero imperdibile.
Presso l’Acquario Civico verrà realizzato un focus naturalistico sulle ninfee.