Cosa fare a Milano Logo Dark

Da Ottobre 2021 - Per tutti gli amanti dell’Open Wine, ecco gli aperitivi a tutto vino da non perdere a Milano. Le tradizioni diventano tali nel momento in cui si ripetono sempre, a prescindere da cosa accada. E anche dopo un anno di

Il governo ha deciso ieri che il Green Pass sarà obbligatorio per eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, concorsi pubblici. Oltre a questi si aggiungono bar e ristoranti al chiuso (non è necessario invece per sedersi all’aperto

Ha appena aperto un museo dove sperimentare con 70 attrazioni su scienza, psicologia, biologia, matematica e fisica, per imparare divertendosi come non abbiamo mai fatto prima Mettere alla prova il nostro cervello, i nostri occhi, la nostra immaginazione ridendo, urlando per lo stupore,

Vivi i Beni del FAI fino a tarda sera Dopo tanti mesi trascorsi in casa, si ha voglia di uscire per trascorrere una giornata all’aperto, a contatto con la natura e con l’arte, alla scoperta di luoghi vicini e spesso poco noti, che meritano una

Dal Paese del Sol Levante, l'hanami ha fatto il giro del mondo ed è arrivato in Italia: il nuovo giardino zen di Piazza Piola 21 ciliegi in fiore che si alternano a sedute pubbliche e sculture cosmiche e meravigliose, un luogo

Date, orari e luoghi del Christmas Truck Tour Il Coca Cola Christmas Truck, il camion griffato Coca Cola, è attualmente in tour in Italia accanto ai mezzi di Banco Alimentare per «donare a tutti, anche se a distanza, un momento di gioia». Da Segrate a Bareggio,

Presentati i progetti per "Il Natale degli alberi 2020". Ecco come saranno e dove si troveranno: 1. Piazza Duomo, Coca Cola Il grande albero di piazza Duomo sponsorizzato da Coca Cola Italia racchiuderà in sé le energie della città rappresentando le sue mille anime.

Abbiamo bisogno di relax. Tutti, ma forse a Milano di più. E forse per questo Milano offre molto indirizzi dedicati al benessere, alla bellezza e al relax: City Spa dove andare solo per qualche ora, o per un pomeriggio, tra sauna, bagno turco,

Riapre Gardaland: dalle mascherine agli accessi limitati, ecco tutte le regole È arrivato il via per la riapertura di Gardaland. Dal 13 giugno il Parco tornerà ad accogliere gli ospiti per offrire giornate di divertimento all’insegna della totale sicurezza. In questi mesi,

La Mostra riapre dal 30 Maggio al 28 Giugno 2020 L’esposizione internazionale “L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina” riapre le porte sabato 30 Maggio, dando così la possibilità al pubblico di ammirare dal vivo uno dei tesori più

Top
Titolo Cosa fare a Milano

BANKSY – Mudec

  /  BANKSY – Mudec
Bansky Mudec

BANKSY – Mudec

Quando

21 Novembre 2018 - 14 Aprile 2019    
Tutto il giorno

Dove

Mudec
Via Tortona, 56, Milano

Event Type

BANKSY – Mudec

Gli street artists di oggi sono un fenomeno multiculturale mondiale. Uno degli aspetti che accomuna i writers di ieri (quegli artisti che a New York all’inizio degli anni Settanta tracciarono i primi segni con bombolette spray sulle pareti esterne della subway e successivamente sui muri delle stazioni di New York) e gli street artists di oggi è la loro origine multiculturale: i primi writers provenivano dai diversi quartieri di New York, che a loro volta erano popolati da comunità di diversa provenienza (i neri di Harlem, gli ispanici e gli italiani del Bronx e del Lower East Side).
Non è un caso che l’effetto primario della loro espressione sia l’invenzione di una grafia nuova, che non esisteva, amalgama di molte grafie, da quella araba, a quella occidentale e asiatica.
In questo panorama Banksy amplifica ed espande il carattere multiculturale dei writers, ai quali si era agli inizi formalmente ispirato; come gli street artists della sua generazione accentua il contenuto dei messaggi politici e sociali in maniera esplicita, anzi sposta radicalmente il messaggio dalla forma al contenuto. Nell’arte di Banksy troviamo elementi di riferimento anche più lontani, come la propensione allo sberleffo di stampo dadaista, ma soprattutto alla fusione di linguaggio e immagine.
Le congetture sull’identità di Banksy sono molte e fantasiose: secondo alcune Banksy non esisterebbe ma si tratterebbe di un collettivo di artisti, per altri sarebbe un famoso musicista rock inglese, a un certo punto si è sentito dire che dietro Banksy ci fosse addirittura Damien Hirst. Nato e cresciuto a Bristol, ad oggi non si ha alcuna certezza sull’artista: è impossibile tracciarne la biografia nonostante in molti abbiano tentato di farlo. La figura di Banksy è oggi perciò avvolta in un alone di mistero che, per scelta e per necessità, si autoalimenta e definisce i tratti di un mito dei nostri tempi.
Nei primi anni del Duemila Banksy è a Londra e comincia a farsi conoscere. In breve i muri della città si animano con i suoi personaggi ironici, pungenti, provocatori, irriverenti. È subito un fenomeno: la stampa parla di Banksy effect. I suoi stencils, immediati e ricorrenti come manifesti pubblicitari, appaiono ovunque, colpiscono al cuore, soprattutto le giovani generazioni: nel 2007 un sondaggio stabilisce che il suo lavoro rappresenta oramai un segno distintivo della città di Londra. La sua arte si manifesta come un’esplicita e aspra provocazione nei confronti dell’arroganza dell’establishment e del potere, del conformismo, della guerra, del consumismo.
Acquista i tuoi biglietti : TicketOne