Cosa fare a Milano Logo Dark

Da Ottobre 2021 - Per tutti gli amanti dell’Open Wine, ecco gli aperitivi a tutto vino da non perdere a Milano. Le tradizioni diventano tali nel momento in cui si ripetono sempre, a prescindere da cosa accada. E anche dopo un anno di

Il governo ha deciso ieri che il Green Pass sarà obbligatorio per eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, concorsi pubblici. Oltre a questi si aggiungono bar e ristoranti al chiuso (non è necessario invece per sedersi all’aperto

Ha appena aperto un museo dove sperimentare con 70 attrazioni su scienza, psicologia, biologia, matematica e fisica, per imparare divertendosi come non abbiamo mai fatto prima Mettere alla prova il nostro cervello, i nostri occhi, la nostra immaginazione ridendo, urlando per lo stupore,

Milano è una città d’acqua e possiede circa 80 fontane, sparse qua e là, furono costruite fontane dalle forme e dalle funzioni più disparate, diventando ben presto però eleganti e sofisticate soluzioni adottate per decorare piazze e strade. Alcuni dei più celebri

Vivi i Beni del FAI fino a tarda sera Dopo tanti mesi trascorsi in casa, si ha voglia di uscire per trascorrere una giornata all’aperto, a contatto con la natura e con l’arte, alla scoperta di luoghi vicini e spesso poco noti, che meritano una

Dal Paese del Sol Levante, l'hanami ha fatto il giro del mondo ed è arrivato in Italia: il nuovo giardino zen di Piazza Piola 21 ciliegi in fiore che si alternano a sedute pubbliche e sculture cosmiche e meravigliose, un luogo

Date, orari e luoghi del Christmas Truck Tour Il Coca Cola Christmas Truck, il camion griffato Coca Cola, è attualmente in tour in Italia accanto ai mezzi di Banco Alimentare per «donare a tutti, anche se a distanza, un momento di gioia». Da Segrate a Bareggio,

Presentati i progetti per "Il Natale degli alberi 2020". Ecco come saranno e dove si troveranno: 1. Piazza Duomo, Coca Cola Il grande albero di piazza Duomo sponsorizzato da Coca Cola Italia racchiuderà in sé le energie della città rappresentando le sue mille anime.

Abbiamo bisogno di relax. Tutti, ma forse a Milano di più. E forse per questo Milano offre molto indirizzi dedicati al benessere, alla bellezza e al relax: City Spa dove andare solo per qualche ora, o per un pomeriggio, tra sauna, bagno turco,

Riapre Gardaland: dalle mascherine agli accessi limitati, ecco tutte le regole È arrivato il via per la riapertura di Gardaland. Dal 13 giugno il Parco tornerà ad accogliere gli ospiti per offrire giornate di divertimento all’insegna della totale sicurezza. In questi mesi,

Top

Mostra “Romanticismo” a Milano

  /  Mostra “Romanticismo” a Milano
Romanticismo

Mostra “Romanticismo” a Milano

Data / Ora
Date(s) - 26 Ottobre 2018 - 17 Marzo 2019
9:30 - 22:30

Luogo
Piazza della Scala

Categorie


La mostra “Romanticismo” a Milano alle Gallerie d’italia di Piazza della Scala a Milano intende illustrare i molteplici aspetti del movimento letterario e artistico che nella prima metà dell’Ottocento segnò un radicale mutamento della sensibilità e dell’immaginario della cultura europea. Dai primi fermenti preromantici fino alle ultime manifestazioni del movimento, l’esposizione mette in luce il vivace dibattito culturale svoltosi tra Inghilterra, Francia, Germania e Impero austriaco negli anni tra il Congresso di Vienna e i moti rivoluzionari del 1848, con un occhio di riguardo al contributo fornito dall’Italia, dove il Romanticismo si affermò negli anni del Risorgimento, caricandosi così di forti valenze politiche e patriottiche.
Emblematico del rapporto tra cultura e politica tipico della civiltà romantica è il caso di Milano, dove nella prima metà dell’Ottocento si trovarono raccolti i più importanti esponenti del mondo artistico, letterario e musicale, da Ugo Foscolo ad Alessandro Manzoni, da Francesco Hayez a Giuseppe Verdi tutti impegnati attraverso la propria opera a sostenere la causa nazionale.
Un’ampia selezione di opere provenienti da prestigiosi istituzioni nazionali e internazionali e da collezioni private vengono allestite in 12 sezioni tematiche per raccontare la progressiva affermazione di generi pittorici un tempo considerati “minori” quali il paesaggio, il ritratto, la pittura di genere, progressivamente equiparati per importanza alla pittura di storia e alla pittura sacra che nel frattempo subiscono un radicale rinnovamento. In ciascun ambito pittorico si assiste a sottolineatura dell’aspetto emotivo e soggettivo dell’artista; questa si manifesta in una maggiore spiritualità in ambito religioso, in una forte introspezione della ritrattistica e in una proiezione del sentimento nella natura in ambito paesaggistico.
A documentare simili mutamenti le opere dei più importanti protagonisti di questa nuova interpretazione dell’arte: i grandi maestri del Romanticismo europeo come il tedesco Friedrich, l’inglese Turner, il francese Corot sono posti a confronti con gli interpreti del Romancismo italiano, da Hayez ai fratelli Induno, dai paesaggisti e vedutisti lombardi quali Canella, Inganni, Migliara agli interpreti della Scuola di Posillipo.
A restituire la multidisciplinarietà del Romanticismo contribuiranno infine la presenza delle opere di tre dei più importanti interpreti della scultura italiana dell’epoca – Lorenzo Bartolini, Pietro Tenerani e Vincenzo Vela – e l’allestimento di alcuni costumi provenienti dalla Scala dei più famosi melodrammi ottocenteschi, ancora oggi rappresentati nei teatri lirici di tutto il mondo.ancora
Dove: Milano, Gallerie d’Italia

Quando: dal 26 ottobre 2018 al 17 marzo 2019
Orari Mostra:
Lunedì: chiuso; Martedì, mercoledì,venerdì, sabato e domenica: 9.30-19-30; giovedì: 9.30-22.30