FABBRICA DEL VAPORE: in mostra l’Esercito di Terracotta

FABBRICA DEL VAPORE: in mostra l’Esercito di Terracotta

La Mostra riapre dal 30 Maggio al 28 Giugno 2020

L’esposizione internazionale “L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina” riapre le porte sabato 30 Maggio, dando così la possibilità al pubblico di ammirare dal vivo uno dei tesori più straordinari della millenaria cultura cinese. In un momento storico in cui spostarsi è senza dubbio difficile, la Mostra rappresenta la possibilità oggi ancora più unica di effettuare un viaggio nell’Antica Cina di 2.200 anni fa, che conduce il visitatore alla scoperta dell’ottava meraviglia del mondo.

Il sorprendente successo, con oltre 30.000 visitatori accolti in pochissimo tempo dall’apertura, aveva indotto ad una proroga di due mesi quasi subito fermata dall’emergenza Covid: per questo la scelta della riapertura fino al 28 giugno assume un significato profondo, che restituisce all’arte il ruolo di ponte tra culture e dimostra come sia comunque possibile avvicinare popoli diversi in un momento dove la riscoperta di valori quali solidarietà e vicinanza sono più che mai condivisi. Le 300 riproduzioni di oggetti realizzati agli albori dell’impero, tra statue (oltre 170 soldati), carri, armi e oggetti scoperti nella vastissima necropoli di Xi’An portano a Milano una delle più grandi scoperte archeologiche del XX° secolo, al cui cospetto si percepisce la grandezza di una cultura che affonda le sue radici in un glorioso passato.

Sotterrato nel suolo dello Xi’An, nella Cina orientale, l’esercito fa parte del mausoleo dedicato al Primo Imperatore Qin Shi Huangdi. Le statue, le armi, le armature, i carri da guerra, il vasellame e gli oggetti che richiamano alla vita quotidiana dell’antica Cina, sono ricavati dagli unici calchi esistenti, frutto del lavoro e delle attente rifiniture di artigiani cinesi della regione dello Xi’An, che con gli stessi materiali di allora perpetuano la grande tradizione dell’arte orientale. La bellezza delle statue e delle opere ritrovate, la loro storia, la spettacolarità che il sito archeologico offre agli occhi del visitatore, rivivono tra luce e narrazione multimediale grazie ad una particolare istallazione che conclude il percorso.

La riapertura è stata studiata con orari che permettano una maggior fruizione serale(anche in vista dell’avvento della bella stagione) e con tariffe agevolatedal giovedì al sabato la Mostra sarà visitabile fino alle 23, mentre il costo dei biglietti non subisce maggiorazioni nel weekend e nei festivi e il lunedì offre una tariffa flat di 10€.
Una forma di intrattenimento serale alternativa e sicuramente di grande impatto e arricchimento personale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: