Cosa fare a Milano Logo Dark

Da Ottobre 2021 - Per tutti gli amanti dell’Open Wine, ecco gli aperitivi a tutto vino da non perdere a Milano. Le tradizioni diventano tali nel momento in cui si ripetono sempre, a prescindere da cosa accada. E anche dopo un anno di

Il governo ha deciso ieri che il Green Pass sarà obbligatorio per eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, concorsi pubblici. Oltre a questi si aggiungono bar e ristoranti al chiuso (non è necessario invece per sedersi all’aperto

Ha appena aperto un museo dove sperimentare con 70 attrazioni su scienza, psicologia, biologia, matematica e fisica, per imparare divertendosi come non abbiamo mai fatto prima Mettere alla prova il nostro cervello, i nostri occhi, la nostra immaginazione ridendo, urlando per lo stupore,

Vivi i Beni del FAI fino a tarda sera Dopo tanti mesi trascorsi in casa, si ha voglia di uscire per trascorrere una giornata all’aperto, a contatto con la natura e con l’arte, alla scoperta di luoghi vicini e spesso poco noti, che meritano una

Dal Paese del Sol Levante, l'hanami ha fatto il giro del mondo ed è arrivato in Italia: il nuovo giardino zen di Piazza Piola 21 ciliegi in fiore che si alternano a sedute pubbliche e sculture cosmiche e meravigliose, un luogo

Date, orari e luoghi del Christmas Truck Tour Il Coca Cola Christmas Truck, il camion griffato Coca Cola, è attualmente in tour in Italia accanto ai mezzi di Banco Alimentare per «donare a tutti, anche se a distanza, un momento di gioia». Da Segrate a Bareggio,

Presentati i progetti per "Il Natale degli alberi 2020". Ecco come saranno e dove si troveranno: 1. Piazza Duomo, Coca Cola Il grande albero di piazza Duomo sponsorizzato da Coca Cola Italia racchiuderà in sé le energie della città rappresentando le sue mille anime.

Abbiamo bisogno di relax. Tutti, ma forse a Milano di più. E forse per questo Milano offre molto indirizzi dedicati al benessere, alla bellezza e al relax: City Spa dove andare solo per qualche ora, o per un pomeriggio, tra sauna, bagno turco,

Riapre Gardaland: dalle mascherine agli accessi limitati, ecco tutte le regole È arrivato il via per la riapertura di Gardaland. Dal 13 giugno il Parco tornerà ad accogliere gli ospiti per offrire giornate di divertimento all’insegna della totale sicurezza. In questi mesi,

La Mostra riapre dal 30 Maggio al 28 Giugno 2020 L’esposizione internazionale “L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina” riapre le porte sabato 30 Maggio, dando così la possibilità al pubblico di ammirare dal vivo uno dei tesori più

Top
Titolo Cosa fare a Milano

Carla van de Puttelaar. Northern Lights

  /  Carla van de Puttelaar. Northern Lights
Carla van de Puttelaar. Northern Lights

Carla van de Puttelaar. Northern Lights

Quando

30 Marzo 2022 - 20 Maggio 2022    
Tutto il giorno

Event Type

Carla van de Puttelaar. Northern Lights

Luogo: Other Size Gallery c/o Workness
Indirizzo: Via Andrea Maffei 1
Orari: da lunedì a venerdì 10-18. Chiuso sabato e domenica
Curatori: Claudio Composti
Telefono per informazioni: +39 02.70006800
E-Mail info: [email protected] In occasione della
Milano Art Week 2022, Other Size Gallery presenta, per la
prima volta a Milano, una personale della fotografa
Carla van de Puttelaar (1967, Amsterdam) dal titolo “Northern Lights”.

Curata da
Claudio Composti, l’esposizione propone dal 31 marzo al 20 maggio 2022 un’accurata selezione di undici fotografie, di medio e grande formato, che alterna sapientemente i soggetti prediletti dall’artista, dai
ritratti femminili alle
nature morte.

Le fotografie di Carla van de Puttelaar si ispirano alla raffinata ritrattistica nord-europea del XVII secolo proiettandola nella contemporaneità: l’autrice affronta, in modo al tempo stesso delicato e potente, il tema del
corpo femminile valorizzandolo in tutte le sue idiosincrasie e unicità in un modo che lo rende sempre bellissimo e poetico.

A fare da contrappunto, le
nature morte anch’esse tanto belle quanto peculiari: “Il corpo femminile è il suo soggetto principale – spiega il curatore nel suo testo critico – ma negli ultimi anni ha anche iniziato a ritrarre la bellezza dei
fiori, in particolare quelli sul punto di appassire. Superficie floreale che come pelle, sottile e protettiva, caratterizza il fiore e subisce lo scorrere del tempo e rappresenta, da sempre, la simbologia della caducità della vita e della bellezza che, appunto, sfiorisce. Epico
memento mori, tipico degli
still-life fiamminghi.”

Uno sfondo nero e la
luce di una finestra orientata a nord sono i semplici ingredienti che occorrono alla fotografa olandese per ritrarre i suoi soggetti e catturarli nel momento più seducente, immortalato per sempre a beneficio dei posteri. La luce naturale è infatti una delle sue risorse più importanti unitamente a un vivo interesse per la pittura dei Maestri Antichi del Barocco olandese che l’ha portata a ottenere un dottorato in ritrattistica del 1600. Nelle sue fotografie convergono dunque tutti i suoi riferimenti: l’effetto drammatico dato dall’alternarsi di luce e oscurità dei dipinti di Rembrandt, la precisione matematica e il dettaglio dell’opera di Vermeer, la raffinatezza delle nature morte di Rachel Ruysch.

L’insieme di questi elementi ha reso la fotografia di Carla van de Puttelaar riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo, tanto da convincere la
National Portrait Gallery di Londra ad acquisirne cinque opere.

In mostra, si possono ammirare
alcuni scatti delle sue serie più celebri: quelli della “Rembrandt Series”, commissionati dalla stessa Rembrandt House di Amsterdam che l’ha chiamata a confrontarsi con i ritratti del maestro fiammingo; le fotografie del progetto “Galatea” ispirate al mito greco dello scultore Pigmalione che, innamoratosi della sua scultura, pregò Afrodite di renderla umana – proprio come nel mito, i ritratti fotografici sembrano prendere vita; gli scatti della serie “Hortus Nocturnum” in cui i fiori sono trattati come fossero corpi umani.

Opening mercoledì 30 marzo ore 18-21