Il Teatro della Luna presenta il suo cartellone 2016/2017


Il Teatro della Luna presenta il suo cartellone 2016/2017

Per la sua tredicesima stagione, si conferma il palcoscenico dei grandi musical:come da tradizione, infatti, i grandi musical (Evita, American Idiot, Jesus Christ Superstar, Grease) rappresentano l’asse portante del cartellone, tutti proposti con musica dal vivo, per rendere ancora più coinvolgente l’esperienza a teatro. A questi titoli si affiancano tanti altri appuntamenti di danza, concerti e comicità per vivere il teatro da settembre 2016 a maggio 2017.

 

teatroluna

Dal 9 novembre 2016

Malika Ayane incontra il mito di Evita Perón in EVITA, il nuovo musical firmato da Massimo Romeo Piparo:
sarà infatti la cantante milanese a vestire i panni della protagonista nella nuova produzione targata Peep Arrow
Entertainment, che presenta, per la prima volta in italiano, il celebre musical scritto da Tim Rice e Andrew
Lloyd Webber, liberamente ispirato alla vita dell’indimenticabile moglie del presidente argentino Juan Domingo
Perón. A 20 anni dal film che ha visto protagonisti Madonna e Antonio Banderas, c’è molta attesa per questa
nuova versione di Evita, che promette forti emozioni e consegna al pubblico le luci e le ombre di una figura
entrata nell’immaginario collettivo popolare. Accompagnata da un’orchestra dal vivo di 18 elementi diretta
dal M° Emanuele Friello, Malika Ayane si troverà dunque faccia a faccia con questa icona di carisma e
determinazione, in un musical sofisticato e curatissimo, che fa dell’intensità la sua carta vincente. Molto amata
dal pubblico per la classe e le suggestioni della sua voce, l’artista metterà il suo poliedrico talento al servizio
di un personaggio complesso e affascinante, dalle mille sfaccettature. Malika Ayane sarà affiancata da un cast
di oltre 30 artisti con Filippo Strocchi (reduce dal tour europeo di Cats) nel ruolo di Che Guevara e Enrico
Bernardi in quello del Colonnello Peron.

Dal 26 gennaio 2017

Dopo il successo di Next To Normal nella passata stagione, STM – in collaborazione con Fondazione Teatro Coccia e Reverse Agency – porta in Italia da Broadway un altro titolo rivoluzionario: AMERICAN IDIOT, l’esplosiva rock opera dei Green Day vincitrice di due Tony Award® e del Grammy come Best Musical Show Album nel 2010. Un musical non solo per i fan dei Green Day, naturalmente (che attendono frementi l’uscita del nuovo album prevista ad ottobre) ma per tutti quelli che amano il rock e per chi vuole scoprire uno spettacolo innovativo, pieno di energia, che invaderà il palcoscenico attraverso la carica di nuovi linguaggi.

Nei casting, STM ha cercato volti, voci esplosive e carisma negli interpreti italiani candidati per i ruoli dei tre
protagonisti: l’annoiato e alienato Johnny, autoproclamatosi “Jesus of Suburbia”, il sognatore e patriota Tunny
e Will, ingabbiato dalle responsabilità. “Alle audizioni siamo stati letteralmente travolti da una nuova
generazione di giovani artisti, capaci di combinare tecnica, determinazione e una vena di follia davvero molto
rock. – dice il regista Marco Iacomelli – Con American Idiot vogliamo portare il rock anche nei teatri: è una
nuova sfida per il pubblico giovane che ama la musica e che amerà anche questo spettacolo!”. Lo spettacolo
ha debuttato al Berkeley Repertory Theatre nel settembre 2009, diventando, l’anno seguente, un cult
acclamato dal pubblico a Broadway. Tra i brani, che verranno eseguiti dal vivo da una band, alcune delle
canzoni più famose dei Green Day come Boulevard of Broken Dreams, 21 Guns, Wake Me Up When
September Ends, Holiday e naturalmente il titolo campione d’incassi American Idiot. Sono inclusi anche brani
da 21st Century Breakdown (uscito nel 2009) e una canzone d’amore inedita dal titolo When It’s Time.

Dal 16 febbraio 2017

JESUS CHRIST SUPERSTAR, il capolavoro di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, ormai passato alla storia
come uno dei musical più famosi e amati di tutti i tempi, nel mondo intero. La versione italiana in lingua originale firmata da Massimo Romeo Piparo ha compiuto 21 anni e, fresco vincitore del prestigioso MusicalWorld Award come migliore produzione internazionale in Olanda nel 2016, vanta ormai numerosi record, con numeri di tutto rispetto: quattro diverse edizioni, 11 anni consecutivi in cartellone nei Teatri italiani dal 1995 al 2006, oltre 1.200.000 spettatori, più di 120 artisti che si sono alternati nel cast, e più di 1.300 rappresentazioni.

Un’edizione acclamata da pubblico e critica, un successo senza precedenti che si rinnova ad ogni replica, con innumerevoli standing ovation e interminabili applausi a scena aperta. Con 250mila spettatori, il Celebration Day all’Arena di Verona, 120 repliche in 16 città italiane, Jesus Christ Superstar si conferma il musical più amato di tutti i tempi, con un protagonista d’eccezione conosciuto in tutto il mondo nel ruolo del titolo: Ted Neeley, colui che diede un’impronta mitica e indelebile al ruolo di Gesù nello storico film di Norman Jewison del 1973.

Questo allestimento è stato presentato nel 2015 anche a L’Aja (Olanda) per 11 repliche sold-out, a testimonianza del grande spessore artistico: è la prima volta che gli autori concedono a una Compagnia italiana la possibilità di un tour europeo di questo spettacolo. Un musical di livello internazionale che racchiude nella sua storia una colonna sonora conosciuta da 3 generazioni e valori di grande spessore, eseguita interamente dal vivo in lingua originale inglese: la chiave del grande successo sta nell’ineguagliabile combinazione fra la musica rock e una grande storia immortale.

Dal 9 marzo 2017

Più di 1.500 repliche all’attivo e oltre 1.600.000 spettatori per lo spettacolo che ha debuttato il 4 marzo 1997
e, da allora, ha dato il via alla musical-mania in Italia. GREASE, il musical dei record prodotto da Compagnia
della Rancia con la regia di Saverio Marconi, dopo gli incredibili successi del tour 2016 (68 date quasi tutte
sold-out e più di 72.000 spettatori in 17 città italiane) torna a grande richiesta solo al Teatro della Luna per
un’edizione speciale, con band dal vivo, per festeggiare 20 anni di grandi successi.
Oggi, a quasi quarant’anni dal film, sono sempre di più i giovanissimi che si lasciano conquistare dalla
“greasemania” a ogni passaggio televisivo del cult con John Travolta e Olivia Newton-John e a teatro, dove –
in questi 20 anni di successi strabilianti – si vedono tra il pubblico scatenarsi insieme almeno tre generazioni,
ognuna innamorata di GREASE per un motivo differente: la nostalgia del mondo perfetto degli anni Cinquanta,
i ricordi legati al film e all’indimenticabile colonna sonora, l’immedesimazione in una storia d’amore senza
tempo. GREASE, con i suoi coloratissimi costumi e coreografie irresistibili, piene di ritmo ed energia, non è
mai stato così attuale: si è trasformato in una macchina da applausi, cambiando il modo di vivere l’esperienza
di andare a teatro. GREASE evoca un mondo semplice e un’atmosfera, interpretati con gli occhi di oggi, tra
ciuffi ribelli modellati con la brillantina, giubbotti di pelle e sbarazzine gonne a ruota; amicizia, tanta musica e una buona dose di divertimento sono solo alcuni degli elementi di questo successo per una festa da
condividere con amici, figli, famiglie intere o in coppia, trascorrere due ore spensierate e non riuscire a restare
fermi sulle poltrone ma scatenarsi a ballare.

La Greasemania, stagione dopo stagione, continua a conquistare tutti: un vero e proprio fenomeno di costume
“pop” senza tempo che fa impazzire gli spettatori e guarda ai più giovani, con l’intramontabile storia d’amore
tra Danny e Sandy e tanto rock’n’roll. Grease si è trasformato in una macchina da applausi e ha cambiato il
modo di vivere l’esperienza di andare a teatro: è una festa da condividere con amici, figli, famiglie intere o in
coppia, è trascorrere due ore spensierate, è non riuscire a restare fermi sulle poltrone ma scatenarsi a ballare,
tra gonne a ruota, giubbotti di pelle e, naturalmente, code di cavallo e ciuffi modellati con la brillantina.
Coloratissimi costumi e coreografie irresistibili e piene di ritmo ed energia fanno da cornice a una colonna
sonora diventata un vero fenomeno “cult”.

Accanto ai musical, tanti altri appuntamenti per serate davvero imperdibili al Teatro della Luna. Si comincia
infatti il 30 settembre con il ritorno, a grande richiesta, di “The Wall Live Orchestra”: “The Wall”, il concept
album e film del 1979 riproposto oggi a più di trenta anni di distanza, ha un impatto straordinario. Una messa
in scena live, spettacolare e unica, con una grande orchestra: una sfida stimolante e grandiosa allo stesso
tempo. The Wall è infatti l’album più orchestrale dei Pink Floyd. Una ulteriore sfida è data dalla regia video in
diretta, riproposta sul grande schermo, volta ad aggiungere emotività ed avvicinare gli spettatori alle
performance dei musicisti.

Il 2 novembre arriva Caro Emerald, una delle cantautrici di jazz più quotate che torna in Italia, dopo il “sold out” del 2013. Di origini brasiliane, la Emerald ha debuttato nel 2009 con il singolo Back It Up, seguito da Deleted Scenes From The Cutting Room Floor, anticipato dal singolo A Night Like This, arrivando al primo posto delle classifiche olandesi ed ottenendo successo in tutta Europa.

Due appuntamenti di danza proposti dal Balletto di Mosca La Classique: l’8 e 9 dicembre “Lo Schiaccianoci”, il 9 e 10 dicembre “Il Lago dei Cigni”: due “classici” di Čajkovskij che non hanno bisogno di presentazioni, in versioni coreografiche che ricostruiscono filologicamente l’opera originaria di Petipa.

Il 29 dicembre 50 musicisti sul palco per “The Rolling Stones Symphonic Experience”, dove il rock incontrerà la classica e dove il pubblico potrà riascoltare i brani più famosi di Mick Jagger & Keith Richards in una nuova intensa veste, come mai prima d’ora! Gli Stellavox in 17 anni di attività con quasi 500 concerti all’attivo hanno affinato il sound in maniera inequivocabile, passionale e grintosa.

Torna il 30 dicembre, dopo il grande successo della scorsa stagione, “Omaggio a Lucio Battisti” con orchestra sinfonica di e con 2Mondi & Vent Ensemble: oltre che un tributo al più grande artista di musica leggera italiana, un omaggio alla colonna sonora della vita di molti di noi. L’impatto sonoro di questo tributo è straordinario e tiene fede alle partiture scritte e autografe del Maestro Gianpiero Reverberi che accompagnò Lucio Battisti in sala di incisione.

Per salutare il 2016 ed accogliere il 2017 con tanta allegria e buonumore il Teatro della luna propone Cristina D’Avena. Il 31 dicembre ecco quindi “Semplicemente Cristina”, un viaggio nelle atmosfere uniche del mondo di Cristina D’Avena in uno show che, tra musiche completamente riarrangiate, un’orchestra di nove elementi, la Db Day’s Band e otto impareggiabili coristi che accompagneranno l’artista, riaccenderà la magia di quello che è stato decretato dalla stampa come “il più grande evento dell’anno nel mondo delle sigle”, per salutare il 2016 ed accogliere il 2017 con tanta allegria e buonumore! Cristina D’Avena è l’icona di un mondo sempre in bilico tra fantasia e realtà, fin da bambina quando intonava l’evergreen Il Valzer del Moscerino con la stessa dolcezza che anche oggi riesce a conquistare il pubblico di ogni età.

Il 17 gennaio un altro ritorno: “The Beatbox”. Molto più che un semplice tributo ai Beatles, la performance dei Beatbox si propone di far rivivere l’energia e il fascino del mitico quartetto di Liverpool. E per ottenere il risultato desiderato nulla è stato lasciato al caso: dalla strumentazione, identica a quella usata dai Beatles nei loro storici concerti, ai vestiti, confezionati su misura dalla stessa sartoria che li creò per la tournèe americana dei

Fab Four.

Il 18 gennaio 2017 arriva quindi sul palcoscenico del Teatro della Luna “Ricordando Fabrizio De André in direzione ostinata e contraria”, con Alberto Napolitano in arte Napo. Due ore della straordinaria musica di Fabrizio De André, dai brani più popolari a vere e proprie perle del suo infinito repertorio. L’emozione che si respira nei concerti rende l’esibizione uno spettacolo da godere dalla prima all’ultima nota e che coinvolge lo spettatore in un percorso musicale ed emotivo unico nel suo genere. Affiancano ‘Napo’ musicisti di elevato spessore, con arrangiamenti sorprendenti..

Rockopera proporrà poi il 19 gennaio “Prince Purple Rain Live”. Prince è l’artista che ha definitivamente cambiato il corso della musica. La sua abilità nel mescolare i vari generi musicali, coniugando il soul, la black music e il pop ha condizionato ed ispirato generazioni di musicisti e compositori. Il suo stile poliedrico e la sua infinita passione ci ha fatto emozionare e la sua scomparsa prematura ha lasciato un vuoto incolmabile. Per la prima volta a teatro un omaggio all’opera integrale del 1984 “Purple Rain”: l’occasione per ripercorrere un viaggio nel mondo di un artista insuperabile.

Il 20 e 21 gennaio torna finalmente al Teatro della Luna Maurizio Battista con il suo nuovo spettacolo “La vita è bella… comunque vada…”, un continuo divenire di idee, un botta e risposta ininterrotto di trovate e curiosità che spiazzeranno il pubblico. Una vera e propria ‘sinfonia di battute’, vivace, andante con brio Un nuovo show spumeggiante, esplosivo, assolutamente da non perdere. Inoltre, per tutta la durata della stagione, il Teatro della Luna continua ad essere la residenza della Compagnia La Casa delle Storie, ospitando nel foyer del Teatro il sabato pomeriggio e la domenica mattina spettacoli per bambini “da 3 a 96 anni”, ispirati alle più celebri fiabe della letteratura per l’infanzia: Il Gatto con gli Stivali – I Tre Porcellini – Cappuccetto Rosso – Hansel e Gretel – Il Brutto Anatroccolo – Il Pifferaio Magico – La Bella Addormentata (Novità 2017!) Si tratta una delle più appassionanti esperienze in circolazione di teatro interattivo: non si tratta semplicemente di fiabe da ascoltare, ma da fare insieme, rendendo lo “SpettAttore” (bambini naturalmente, ma anche genitori, nonni, parenti coinvolti in prima persona) parte attiva e protagonista dello spettacolo.