Cosa fare a Milano Logo Dark

Da Ottobre 2021 - Per tutti gli amanti dell’Open Wine, ecco gli aperitivi a tutto vino da non perdere a Milano. Le tradizioni diventano tali nel momento in cui si ripetono sempre, a prescindere da cosa accada. E anche dopo un anno di

Il governo ha deciso ieri che il Green Pass sarà obbligatorio per eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, concorsi pubblici. Oltre a questi si aggiungono bar e ristoranti al chiuso (non è necessario invece per sedersi all’aperto

Ha appena aperto un museo dove sperimentare con 70 attrazioni su scienza, psicologia, biologia, matematica e fisica, per imparare divertendosi come non abbiamo mai fatto prima Mettere alla prova il nostro cervello, i nostri occhi, la nostra immaginazione ridendo, urlando per lo stupore,

Vivi i Beni del FAI fino a tarda sera Dopo tanti mesi trascorsi in casa, si ha voglia di uscire per trascorrere una giornata all’aperto, a contatto con la natura e con l’arte, alla scoperta di luoghi vicini e spesso poco noti, che meritano una

Dal Paese del Sol Levante, l'hanami ha fatto il giro del mondo ed è arrivato in Italia: il nuovo giardino zen di Piazza Piola 21 ciliegi in fiore che si alternano a sedute pubbliche e sculture cosmiche e meravigliose, un luogo

Date, orari e luoghi del Christmas Truck Tour Il Coca Cola Christmas Truck, il camion griffato Coca Cola, è attualmente in tour in Italia accanto ai mezzi di Banco Alimentare per «donare a tutti, anche se a distanza, un momento di gioia». Da Segrate a Bareggio,

Presentati i progetti per "Il Natale degli alberi 2020". Ecco come saranno e dove si troveranno: 1. Piazza Duomo, Coca Cola Il grande albero di piazza Duomo sponsorizzato da Coca Cola Italia racchiuderà in sé le energie della città rappresentando le sue mille anime.

Abbiamo bisogno di relax. Tutti, ma forse a Milano di più. E forse per questo Milano offre molto indirizzi dedicati al benessere, alla bellezza e al relax: City Spa dove andare solo per qualche ora, o per un pomeriggio, tra sauna, bagno turco,

Riapre Gardaland: dalle mascherine agli accessi limitati, ecco tutte le regole È arrivato il via per la riapertura di Gardaland. Dal 13 giugno il Parco tornerà ad accogliere gli ospiti per offrire giornate di divertimento all’insegna della totale sicurezza. In questi mesi,

La Mostra riapre dal 30 Maggio al 28 Giugno 2020 L’esposizione internazionale “L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina” riapre le porte sabato 30 Maggio, dando così la possibilità al pubblico di ammirare dal vivo uno dei tesori più

Top
Titolo Cosa fare a Milano

Mercato Centrale Milano

  /  Cosa fare a Milano a Dicembre   /  Mercato Centrale Milano
Mercato Stazione Centrale

Mercato Centrale Milano

Anche Milano avrà il suo Mercato Centrale: banchi per fare la spesa, ristorante e cultura

Un mercato coperto innovativo e contemporaneo, con banchi di artigiani e produttori dove fare la spesa, un ristorante, una caffetteria, un grande dehors e poi un fitto calendario di attività culturali.

L’apertura è prevista entro la fine del 2019, negli spazi della Stazione Centrale in piazza IV Novembre.

Il progetto milanese prevede infatti la conversione a Mercato Centrale di uno spazio di 4.400 mq all’interno della Stazione Centrale, suddiviso su due piani: qui troveranno spazio 20 banchi di artigiani del gusto con la migliore offerta gastronomica del territorio locale, regionale e nazionale, il ristorante, la caffetteria e un dehors.

Il cantiere di via Sammartini è aperto. Entro dicembre è previsto, nella via che costeggia i binari della Stazione Centrale di Milano, l’opening di Mercato Centrale, il quinto per la società fondata da Umberto Montano e il primo nel capoluogo lombardo. Un format di successo, nato a Firenze (dove oggi ne sono presenti due, quello in centro storico e quello al centro commerciale I Gigli) ed esportato prima a Roma, nel complesso di Stazione Termini, poi a Torino, dove l’apertura è stata fissata per il 13 aprile. Ma Milano, come afferma Montano, è un test particolarmente importante: “Il punto di partenza dell’arrivo”, sottolinea a Pambianco Wine&Food l’imprenditore, che per sostenere lo sforzo di una doppia apertura Torino-Milano ha strutturato la società in chiave manageriale, affidando l’incarico di amministratore delegato a Stefano Mereu, ex Grandi Stazioni, suo partner commerciale a Roma e Milano.

L’arrivo di Mercato Centrale diventa uno step decisivo per la riqualificazione dell’area di via Sammartini. “Avverrà perché il Mercato non è solo un mercato, ma è un luogo di condivisione e di incontro sviluppato attraverso un numero enorme di eventi e attività culturali”, precisa Montano. A Torino l’impostazione è la stessa: ci sono già oltre 300 eventi programmati dall’ apertura a fine anno, più di uno al giorno. E gli eventi che il presidente della società immagina per Milano sono legati alla moda, all’ arte e naturalmente al food. “Mi immagino incontri con gli stilisti, ideazione di progetti alternativi alla semplice sfilata… e poi avremo una scuola di cucina, l’area per eventi legati alla cultura del cibo. Ma Milano si presta decisamente bene all’ arte contemporanea, che abbiamo introdotto con successo a Firenze”.

Mereu rivela che da Milano, una volta entrato a regime, la società si attende un giro d’affari allineato a quello di Mercato Centrale Firenze, che lo scorso anno ha raggiunto i 23 milioni di incasso. Inoltre, al 2022, le attese complessive sono di 86 milioni di ricavi su cinque strutture per un ebitda di 8,3 milioni. Nel 2018, primo anno completo di attività su tre mercati (i due fiorentini e quello romano), il fatturato è stato di 43,5 milioni di euro (+10%) per 4,6 milioni di ebitda.